Vignaioli di Langa e Piemonte 2014

CopertinaUn evento organizzato da Tiziana Gallo

15 e 16 novembre 2014

15 novembre (12:30 – 19:30)
16 novembre (12:00 – 20:00)

The Westin Excelsior
Via Vittorio Veneto, 125 (Roma)

Un versante lungo e ininterrotto di vigne e di rive, un pendio così insensibile che alzando la testa non se ne vede la cima – e in cima, chi sa dove ci sono altre vigne, altri boschi, altri sentieri…(Cesare Pavese, La luna e i falò)

Le Langhe…chi ha avuto l’occasione e il piacere di visitarle sa che si tratta di un luogo dove desidera tornare, per avere la conferma che non si tratta solo di un mondo letterario che ha ispirato i grandi della nostra letteratura, ma anche di uno spazio sublime dove la vigna esprime un modo di essere e di intendere la vita e… di spiegare il mondo in un bicchiere.

La Langa non è che il cuore pulsante di un territorio, come il Piemonte, geneticamente vocato a produrre dei vini straordinari. Ed è per questo motivo che la terza edizione dell’evento sarà un’occasione, per il consumatore e per gli operatori del settore, per conoscere l’uva nebbiolo, e non solo, nelle sue diverse declinazioni e cogliere così le differenti sfaccettature e potenzialità ampelografiche del Piemonte.

Per Il dialetto locale “andare per langa” vuol dire camminare sulla cresta delle colline e da lì voglio immaginare un percorso ideale, dove oltre ai due grandi pilastri dell’enologia italiana, il Barolo e il Barbaresco, scoprire insieme a voi un panorama arricchito da vini come l’armonico Gattinara del vercellese, il Roero delle assolate colline che guardano il Tanaro, il Lessona prestigioso rosso coltivato nell’alto Piemonte che insieme al Boca ci raccontano di una viticoltura estrema e coraggiosa.

Saremo piacevolmente stupiti da vitigni autoctoni come il brillante Erbaluce per scendere poi verso l’astigiano con la Barbera e il famoso Moscato e tra le generose colline del fruttato e persistente Gavi… fino ad assaporare realtà uniche come il Timorasso dalle origini antiche.

Non resta altro che farci guidare dai produttori partecipanti che saranno lieti di accompagnarci in questo viaggio…vi aspetto numerosi.

(Tiziana Gallo)

I PRODUTTORI

adrianoMarco e Vittorio ADRIANO
Nel cuore delle Langhe, nella frazione di San Rocco Seno d’Elvio, sopra all’incantevole Alba, l’azienda agricola Adriano Marco e Vittorio, produce vini specchio del proprio territorio. L’azienda, di famiglia da generazioni, coltiva e vinifica solo uve di sua proprietà. Attualmente l’azienda ha una superficie vitata di 22 ettari coltivati a NEBBIOLO da BARBARESCO, BARBERA, DOLCETTO, FREISA, SAUVIGNON e MOSCATO. 8 ettari sono coltivati a noccioleti che producono la tipica nocciola delle Langhe. (www.adrianovini.it)

CLAUDIO ALARIOalario
Lo scenario suggestivo e celebrato delle Langhe fa da sfondo alla storia e all’attività della nostra piccola azienda a carattere familiare, fondata nel lontano 1900. Da ben tre generazioni si dedicano con serietà e dedizione alla cura e alla coltivazione della vite e alla vendita dell’uva, ma è solo grazie a Claudio Alario che sono giunti alla vinificazione e quindi all’imbottigliamento del vino. Infatti nel 1988, questo giovane e ambizioso produttore, facendo tesoro delle nozioni apprese all’Istituto Superiore di Agraria e forte di alcuni anni di esperienza diretta nel campo, decise di trasformare i generosi prodotti delle loro viti in vino. (www.alarioclaudio.it)

antonioloAzienda Agricola ANTONIOLO
L’Azienda Agricola Antoniolo fu fondata negli anni 40 dal Cav. mario Antoniolo che approdava al mondo vinicolo con entusiasmo e motivazione. Successivamente fu affiancato dalla figlia Rosanna. L’intento della famiglia Antoniolo è sempre stato quello di produrre vini di elevato standard, con una continua ricerca volta alla crescita qualitativa della propria produzione. I vigneti sono interamente di proprietà, collocati in posizioni altamente vocate ed i vini sono prodotti esclusivamente con uve proprie. L’azienda è attualmente condotta da Rosanna con i figli Lorella ed Alberto.

baraleAzienda Agricola BARALE F.LLI
L’Azienda Agricola Barale Fratelli affonda le sue radici nel lontano 1870 quando nelle Langhe era da poco comparso il vino denominato Barolo promosso dai Marchesi Falletti e da Camillo Benso, Conte di Cavour. In cantina sono state acquisite nuove tecnologie nell’intento di valorizzare la qualità dei vitigni coltivati su un’estensione di circa 20 ettari. I processi di vinificazione e affinamento tendono a mantenere l’equilibrio di componenti del frutto con l’intento di produrre vini armonici e facilmente riconducibili nelle loro caratteristiche organolettiche al vitigno impiegato e alla zona di origine. (www.baralefratelli.it)

baudanaLUIGI BAUDANA
Con solo 4 ettari di qualità, da questa tenuta vengono ticavati alcuni dei più prestigiosi cru di Barolo di Serralunga d’Alba. I vini della collezione Luigi Baudana sono espressione di vini potenti e genuini, esprimono il meglio del vitigno Nebbiolo. Baudana, il cognome, il cru storico e il borgo, è un segno di quanto siano profonde e legate a questa terra le radici di questa famiglia. (www.luigibaudana.it)

labiocaLA BIÒCA
La Biòca è una piccola azienda vitivinicola nelle Langhe le cui vigne si trovano nei comuni di Monforte d’Alba (Bussia, San Sebastiano), Novello (Ravera), La Morra (Castagni e Croera), Castiglione Falletto (Piantà) e Barbaresco (Secondine, Ronchi). La maggior parte degli 8,5 ha sono di proprietà. Circa 3,5 ha sono stati reimpiantati recentemente, quindi non sono ancora in produzione. La cantina attuale è ubicata in Castiglione Falletto, frazione Uccellaccio. La nuova cantina, situata nella località Fontanafredda di Serralunga d’Alba, è in stato di completamento per lavori di ampliamento. (www.labioca.it)

borgognoGIACOMO BORGOGNO
Nel pieno centro storico del paese di Barolo, sorge la Casa Borgogno con le proprie cantine scavate nel tufo vivo della collina. Il punto di forza di Borgogno stà nel pieno rispetto della tradizione,che ricorda i vini di una volta, infatti vengono prodotti con vinificazioni tradizionali e naturali. Le pratiche di fermentazione sono sempre le stesse da molti decenni con fermentazioni lunghe, follature e rimontagli a mano. Nell’ arco degli anni si sono affinate le tecniche, che permettono di avere dei vini vivi, veri e puliti, di anno in anno sempre diversi, in quanto si rispettano le caratteristiche dell’annata, ma sempre con quell’inconfondibile impronta di Borgogno dovuta ai lunghi affinamenti nelle grandi botti in Rovere di Slavonia. (www.borgogno.com)

sbborgognoSERIO E BATTISTA BORGOGNO
La conduzione a carattere famigliare, l’attenzione al rapporto qualità prezzo, una produzione tradizionale con vinificazione in tini di legno ed invecchiamento in grandi botti di rovere sono la loro carta vincente. Il loro prodotto di eccellenza è ricavato dai vitigni posti sulla collina di Cannubi che, per il loro terroir unico e invidiabile, attribuiscono eleganza e pienezza al vino, caratteristiche che si affinano con l’invecchiamento in botti di rovere, attribuendo al tempo l’arte misteriosa dell’affinamento. (www.borgognoseriobattista.it)

boveriLUIGI BOVERI
E’ una storia di famiglia che dalla fine del settecento ad oggi qualifica l’azienda Boveri come una lunga tradizione di origine contadina e che nel 1988 rappresenta un repentino cambio di rotta per Giacomo Boveri. Alla fine degli studi di perito in telecomunicazioni, lascia il posto fisso per continuare la tradizione di famiglia dedicandosi completamente alla gestione dell’azienda agricola. L’obiettivo di Giacomo è aumentare la superficie aziendale e migliorare le tecniche di vinificazione promuovendo e sviluppando prodotti legati al territorio come la barbera, il timorasso e la croatina, vitigni originari delle colline ai quali le radici della sua famiglia sono profondamente innestate. (www.vignetiboveri.it)

caedbalosCÀ ED BALOS
Cà ed Balos è un’azienda agricola nata dalla passione dei proprietari per la cultura, il territorio e il buon vivere. Situata a Castiglione Tinella, nel cuore della produzione del Moscato d’Asti, l’azienda produce in modo artigianale vini e grappe di pregiata qualità, ponendo particolare attenzione alla tutela dell’ambiente e al gusto del prodotto finale. La posizione suggestiva dell’antico casale dove ha sede l’azienda, rende questo luogo ideale per una degustazione in armonia con la natura, avvolti nell’atmosfera di un luogo dove ci si ritrovava per danzare in epoca di vendemmia. (www.mymoscato.com)

bovioGIANFRANCO BOVIO
L’Azienda nasce nel 1976 portando avanti quella che era già l’azienda paterna. Agli inizi dell’attività la proprietà comprendeva circa 3 ettari di superficie vitata coltivata a Nebbiolo e a Dolcetto.Con l’acquisto di nuovi territori, la terra è diventata di 10 ettari nel 1983: l’impegno cominciava a farsi più grande tantochè il Sig. Bovio assunse, con la mansione di tuttofare, Walter Porasso che tuttora è presente nell’Azienda come direttore responsabile. Al giorno d’oggi la superficie vitata è di 20 ettari coltivati a Nebbiolo da Barolo, Dolcetto e a Barbera. (www.boviogianfranco.com)

brezzaBREZZA
L’Azienda Agricola Brezza, proprietaria di vigneti già dal 1885, si trova a pochi passi dal piccolo comune di Barolo e prende il nome di Giacomo Brezza, che per primo insieme al padre Antonio nel 1910 mise il vino in bottiglia. La conduzione dell’azienda si estende su di una superficie di 22 ettari di terreno dei quali sedici e mezzo a vigneto, e i vini sono tutti a DOCG Denominazione di Origine Controllata e Garantita o DOC Denominazione di Origine Controllata. (www.brezza.it)

carussin

CARUSSIN
L’azienda agricola Carussin nasce nel 1927 a S. Marzano Oliveto, nel Monferrato Astigiano, e negli anni si espande fino a raggiungere l’attuale superficie vitata di 22 ettari. Egregiamente gestita dalle due sorelle Bruna e Silvia l’azienda abbandona le piantagioni di mele per impiantare nuovi vigneti e dedicandosi sempre di più alla difficile arte della coltivazione della vita e della produzione del vino di qualità. Dal 1998 Bruna insieme al marito Luigi conducono l’azienda vitivinicola impiantata a Barbera d’Asti che definiscono “la loro grande passione”. (www.carussin.it)

IL CHIOchiossoSSO
Il Chiosso nasce nel 2007 per iniziativa di Marco Arlunno e Carlo Cambieri, già produttore di Ghemme il primo, proprietario e conduttore di vigneti in Gattinara il secondo. Un’unione davvero singolare e vincente che ha consentito di fondere in un’unica realtà produttiva i vini di qualità dell’Alto Piemonte, il Gattinara da un lato e il Ghemme e le d.o.c. delle Colline Novaresi dall’altro. (www.ilchiossogattinara.it)

contiCASTELLO CONTI
Una famiglia che ama la sua terra e vive con passione il proprio mestiere, portando avanti un patrimonio colturale-culturale di significativo valore, “raccontato” attraverso il vino: il Boca doc, una storia di tipicità e di tradizione. Ermanno ha iniziato nel 1963 a produrre vino ed ora sono le tre figlie a continuarne la memoria storica declinando questo vino al femminile e il Boca doc 1996 “il rosso delle donne” rappresenta un progetto di creatività, ricerca e sperimentazione. (www.castelloconti.it)

fornaceCASCINA FORNACE
L’azienda agricola La Fornace è situata nel cuore delle Langhe all’ingresso del territorio comunale di Santo Stefano Belbo (CN). È un’azienda agricola a conduzione famigliare gestita da Dorina Tinto e dal marito Franco Gallina il quale proviene da una famiglia santostefanese di viticoltori. Nella cascina La Fornace si producono vini caratterizzati da un’armonia di profumi e tonalità di colori, ottenuti grazie a una lavorazione che mira a salvaguardare le caratteristiche organolettiche delle uve. (www.cascinafornace.it)

cavallottoCAVALLOTTO
Alle porte di Castiglione Falletto, cuore della zona del Barolo, sulle pendici del Bricco Boschis si trova la Tenuta Vitivinicola Cavallotto che si estende su una superficie di 25 ettari di cui 23 a vigneto. I Cavallotto sono proprietari produttori da cinque generazioni e nel 1948, continuando il lavoro del nonno Giacomo, del padre Giuseppe e dello zio Marcello, i fratelli Olivio e Gildo sono stati i primi della zona, come coltivatori diretti, a dedicarsi alla vinificazione delle loro uve e alla commercializzazione dei loro vini. (www.cavallotto.com)

corteseAzienda Agricola GIUSEPPE CORTESE
Dai suoi 8 ettari di vigneti, per lo più siti nel Rabaja’, cru storico e pregiato nel comune di Barbaresco, la famiglia Cortese produce e vinifica con grande passione ormai da tre generazioni. I vigneti ivi siti sono particolarmente vecchi (si arriva fino ad oltre 60 anni d’età) e proprio grazie a questa longevità e alla grande cura a loro dedicata, a partire dalla potatura sino alla scrupolosa selezione dei grappoli migliori si ottiene il massimo livello qualitativo come migliore espressione del pregiato territorio. (www.cortesegiuseppe.it)

cieckAzienda Agricola CIECK
L’Azienda Agricola Cieck coltiva vitigni autoctoni: l’Erbaluce, il Barbera, il Nebbiolo, il Freisa ed il Neretto di San Giorgio, vera e propria rarità enologica. I terreni, situati nelle colline moreniche di Aglié, San Giorgio e Cuceglio, hanno natura sabbioso – ciottolosa; i vigneti coltivati a Erbaluce hanno un impianto a pergola, per la coltivazione dei vitigni a bacca rossa si è scelto invece un impianto a spalliera. (www.cieck.it)

lacolomberaLA COLOMBERA
La Colombera, a pochi chilometri da Tortona produce uve di massima qualità nel rispetto della natura. Dal 1998 l’azienda si è arricchita della barbera elevata in piccole botti “Elisa”, dal 2000 si propongono anche: “Derthona” da uve timorasso, “Bricco Bartolomeo” da uve cortese, la “Vegia Rampana” da uve barbera e “Suciaja” da uve nibiò. Dal 2003 tra le selezioni della Colombera arriva “Archè” da uve croatina, nel 2006 “Il Montino” da uve timorasso e, ancora, da uve croatina ultimo nato nel 2010 “La Romba”. (www.lacolomberavini.it)

fenocchioGIACOMO FENOCCHIO
I fratelli Fenocchio curano personalmente la lavorazione nei loro vigneti che viene eseguita con tecniche moderne, atte a preservare gli equilibri ecologici e con grande rispetto dell’ambiente. Il lavoro è meticoloso ed attento, senza un’eccessiva riduzione della produttività: circa 55 quintali per ettaro per il Barolo docg Villero e 70 quintali invece per il Barolo docg Cannubi e il Barolo docg Bussia. (www.giacomofenocchio.com)

gonellaviniGONELLA VINI
“Noi ci mettiamo in relazione alla terra come custodi: la nostra presenza è di passaggio ed il nostro desiderio è di non rovinare ciò che consegneremo ad altri. L’uomo ha tutte le capacità per trarne sostentamento senza alterarne gli equilibri. L’uso di sostanze chimiche non è una necessità, ma una precisa scelta lavorativa che noi da sempre abbiamo evitato.” (www.gonellavini.it)

laraiaAzienda Agricola LA RAIA
Nel 2003 la famiglia Rossi Cairo ha acquistato i primi poderi de La Raia. Oggi l’azienda agricola si estende per oltre 180 ettari, tra viti, pascoli, terreni a seminativo e boschi di castagni popolati da animali selvatici. Furono Caterina Rossi Cairo e suo marito Tom Dean a iniziare il percorso verso la conversione biodinamica. Da quell’intuizione è nata un’azienda agricola certificata Demeter, in cui la produzione di Gavi e Barbera si accompagna la coltivazione di antichi seminativi e all’allevamento di mucche fassone. (www.la-raia.it)

lospaventapasseriAzienda Agricola LO SPAVENTAPASSERI
L’Azienda Agricola Lo Spaventapasseri, piccola cascina a conduzione familiare, si trova sulle colline di Mombaruzzo; i suoi terreni sono situati nella zona di salvaguardia denominata “Bosco delle Sorti — La Communa”. L’azienda è condotta con il metodo di agricoltura biologica, proprio per l’amore ed il rispetto verso l’ambiente e la salute dell’uomo. (www.trimillii.it)

molinettoAzienda Agricola MOLINETTO
L’Azienda Molinetto di Diego Carrea, 6 ettari di vigne di proprietà impiantate a Cortese, è un gioiello enologico delle terre del Gavi, di proprietà della famiglia Carrea fin dal 1970 è situata a Francavilla Bisio, in quell’area dove dalle colline piemontesi si respira già l’aria di mare. Fonda la sua produzione sul pregiato Gavi DOCG: un bianco profumato, fruttato, morbido ed elegante costituito da uve di varietà Cortese 100%. (www.molinettocarrea.it)

mossioAzienda MOSSIO
Una passione, quella per il vino, indissolubile per la famiglia Mossio. Così come l’attaccamento alla terra, al lavoro e a questi vigneti ubicati in posizioni invidiabili e meravigliosamente panoramiche. La storia di questa azienda ebbe inizio con nonno Francesco e nonna Francesca e poi Luigi ed Ennio Mossio con le mogli entrambe chiamate Margherita sino ai figli. Oggi Valerio e Remo, aiutati dal nipote Michele, sono impegnati in prima persona nella produzione di Dolcetto d’Alba, Bricco Caramelli e Piano delli Perdoni; Barbera, Nebbiolo e Langhe Rosso, frutto di un felice connubio tra Nebbiolo, Barbera e Dolcetto. (www.mossio.com)

oltretorrenteOLTRETORRENTE
L’azienda Oltretorrente nasce nel 2010 nella bellissima zona delle colline tortonesi dove si producono vini a partire da vitigni autoctoni del territorio. L’unicità dei vini di Oltretorrente deriva dall’unicità delle piante e dal prodotto che il vignaiolo ha in mente di fare. Per questo motivo la gestione del vigneto è orientata a ridurre la resa dei vigneti a vantaggio della complessità e della struttura dei vini, intervenendo meno possibile sui vini per esaltare l’elevata vocazione delle vigne che secondo natura danno vini di carattere, equilibrati, ricchi e complessi. (www.oltretorrente.com)

podereaivalloniPODERE AI VALLONI
L’amore per il vino e per le terre di Boca, nel novarese, si fondono con passione nell’azienda a conduzione familiare. Podere ai Valloni sorge intorno ad un osservatorio del XVII secolo successivamente ristrutturato ed ampliato, sede di una saggezza antica che incarna perfettamente la filosofia e la natura dell’azienda che ama definirsi “cerchiamo di essere dei buoni artigiani dell’ambiente”…unico vero modo di coniugare il lavoro della terra in sintonia con la biosfera. (www.podereaivalloni.it)

ressiaAzienda Agricola RESSIA
Situata a Neive, l’Azienda Agricola Ressia lavora esclusivamente uve di produzione propria, provenienti dai vigneti coltivati sulle ripide pendici del “Cru Canova”, la cui esposizione a sud è ottima per produzioni vinicole di grande pregio. Prodotte con la semplicità di una piccola azienda a conduzione familiare, fatta di persone che lavorano con impegno e attenzione per produrre vini di eccellenza, con una grande struttura, dai profumi intensi e persistenti, che rappresentano al meglio le qualità dell’uva con cui vengono prodotti. (www.ressia.com)

rinaldiGIUSEPPE RINALDI
In questa bella e caratteristica casa, posta appena fuori dall’abitato di Barolo, lungo la strada che conduce a Monforte, la tradizione e la storia moderna del Barolo sono di casa. La gamma dei vini è completata da un Langhe Nebbiolo (Nebbiolo 100% ovviamente), da Langhe Freisa, Dolcetto d’Alba, Barbera d’Alba, e da un vino da tavola denominato Rosae (prodotto con un’uva, forse originaria della Borgogna, terra che Beppe Rinaldi conosce e ama particolarmente, chiamata Rouché). (www.viniveri/produttori/rinaldi)

sellaTENUTE SELLA
Una storia iniziata tre secoli fa coltivando la vite nelle terre più vocate vicino a casa: Lessona prima e Bramaterra poi, oggi come allora terroirs di autentica eccellenza. Un cammino in divenire seguendo un solco di tradizione ed esperienza al servizio del vino. (www.tenutesella.it)

rivellaTEOBALDO RIVELLA
Azienda di soli 2 ettari fondata da Serafino Rivella nel 1964 e oggi condotta da Teobaldo e Maria che sono le sole persone ad operare in vigna e cantina. Il cru è il Montestefano uno dei più celebri della zona di Barbaresco. (www.viniveri.net/socio/rivella-serafino)

rocchevibertiROCCHEVIBERTI
L’azienda vitivinicola ROCCHEVIBERTI è situata nel comune di CASTIGLIONE FALLETTO, in località Rocche. Siamo in una delle zone più belle delle Langhe, in un territorio secolarmente vocato per la viticoltura. Attualmente l’azienda agricola occupa 4,5 ettari di vigneto specializzato; si coltivano uve di grande pregio: nebbiolo, barbera, dolcetto, tutti vitigni autoctoni delle Langhe e del Piemonte. Aggiungiamo la passione con cui la famiglia Viberti, viticoltori da molte generazioni, coltiva i propri vigneti. (www.roccheviberti.it)

roccodicarpinetoROCCO DI CARPENETO
Rocco di Carpeneto Rocch è nome di regione a Carpeneto d’Acqui, che era chiamata così fin dal 1458, ed anche prima, quando il culto di S. Rocco non esisteva, e non potevasi darne il nome alla regione. In rucchis et spissis communis Carpeneti, nemo audeat incidere aut incidi facere dice una rubrica. Horri in basco vale spina, ed orrok spineto. La località ora piantata a vigne, fu in tempi antichi uno spineto, che si lasciava crescere verso il confine alessandrino. (www.roccodicarpeneto.it)

trediberriTREDIBERRI
Il nostro obiettivo è creare vini piacevoli, in cui la potenza e il tannino non surclassino l’eleganza e l’armonia tipiche del terroir lamorrese. La limitata produzione ci consente di fare il vino che ci piace, con uno stile improntato alla bevibilità: la bottiglia che finisce in fretta è il vero riconoscimento che auspichiamo per il nostro lavoro. (www.trediberri.it)

vajraG.D. VAJRA
Producono Barolo ma non solo, perché amano tutti i vini della loro terra. Credono nella Bellezza, nel lavoro fatto bene, nella cura dei dettagli, nella creatività che rispetta la tradizione. Sono un’azienda familiare e artigianale. Li accompagna una squadra giovane, entusiasta ed appassionata quanto loro. Seguono direttamente i lavori dei loro vigneti, perché è la base della qualità senza compromessi, ma soprattutto perché gli piace tanto. I loror vini nascono eleganti, complessi, delicati. (www.gdvajra.it)

verdunoCASTELLO DI VERDUNO
La famiglia Burlotto, divenuta proprietaria del Castello all’inizio del ‘900, ha continuato la tradizione produttiva dei Savoia. Oggi Castello di Verduno può vantare i due più pregiati gioielli enologici di Langa: il Barolo e il Barbaresco. Questo singolare e prezioso binomio produttivo è divenuto possibile grazie al matrimonio tra Gabriella Burlotto e Franco Bianco, produttore di Barbaresco da quattro generazioni. (www.castellodiverduno.com)

e inoltre…

dolDOL di ORIGINE LAZIALE Dol (Di Origine Laziale)
nasce il 28 gennaio 2006 nella zona di Centocelle a Roma con lo scopo di portare la qualità dell’enogastronomia del Lazio alla portata di tutti, anche e soprattutto in aree periferiche metropolitane. Il nostro progetto punta a diffondere il concetto di filiera corta, favorendo la conoscenza e la fruizione dei prodotti del territorio, la tutela delle aziende tradizionali e lo sviluppo di forme di agricoltura ecocompatibile. (www.dioriginelaziale.it)

Degustazione dei vini:

Giovanni Canonica

Giuseppe Cappellano

Cantina del Castello Conti

COSTO
20€

CONTATTI
Telefono: +39.338.85.49.619
Email: info@vignaiolidilanga.com / tizianagallo@libero.it

Riferimenti: Rastal
www.vignaiolidilanga.com
Facebook
Twitter

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *