RISTORANTI D’ITALIA 2020 (Gambero Rosso)

CopRisto2020LOW30esima edizione
Trentacinque Tre Forchette: al vertice Niko Romito
I migliori trenta Under Trenta
Le Due Forchette Rosse

Ristoranti d’Italia del Gambero Rosso compie trent’anni. Trent’anni durante i quali il mondo dell’enogastronomia è cambiato radicalmente.

Bastano pochi numeri a rendere l’idea: Ristoranti d’Italia 1991: 966 locali recensiti, 10 Tre Forchette Ristoranti d’Italia 2020: 2685 locali recensiti, 35 Tre Forchette.

“Siamo felici di festeggiare questa tappa fondamentale per noi e per la ristorazione italiana” dichiara Paolo Cuccia Presidente di Gambero Rosso “I nostri premiati possiedono tutte le qualità che abbiamo analizzato durante il convegno “Da Cuoco Di Qualità A Chef Di Successo”: ricerca attenta alla biodiversità, tecnologie, organizzazione economica, comunicazione e promozione nella rivoluzione digitale in corso e il ruolo fondamentale della formazione settoriale e manageriale.”

LA GUIDA
L’enogastronomia italiana è ormai sul tetto del mondo, volano per eccellenza dell’immagine del made in Italy.

Il cibo è un valore riconosciuto e non è più il tempo dei cuochi “per caso”.

Studio, ricerca, sperimentazione, formazione continua sono requisiti indispensabili.

Lotta allo spreco e sostenibilità “impongono” un comportamento etico.

È il tempo della “verità” del sapore assoluto, della tecnologia al servizio dell’ingrediente selezionato in modo “scientifico”.

Il ristorante è un’esperienza complessiva che nasce da un’intesa sempre più serrata fra sala e cucina.

Ed è proprio da queste considerazioni che è scaturito il piccolo grande cambiamento nella ripartizione dei punteggi: 50 punti per la cucina (fino lo scorso anno 60), 30 per la sala (prima 20), 20 per la cantina (invariato)

Il bonus restringe il suo raggio d’azione (1 solo punto): per meritarlo fatte salve location uniche per struttura e paesaggio, bisogna davvero dare qualcosa in più in termini di formazione, etica e sostenibilità, lotta allo spreco.

Una sorta di anno zero, dunque. Una ripartenza che abbiamo voluto sottolineare regalando una piccola vetrina ai migliori 30 under 30 ovvero i giovani (fra sala e cucina) attorno ai trent’anni che per filosofia e formazione sono in grande sintonia con i tempi e lasciano ben sperare per un futuro della cucina e accendendo un faro, con le due forchette rosse, su quei locali in pole position per raggiungere il traguardo delle Tre Forchette.

Uno stimolo in più anche per i ristoranti al vertice: con il cambio dei parametri e, soprattutto con il ridimensionamento del bonus (prima arrivava anche a tre punti) il tra guardo dei 90 punti è sempre più difficile. Ma sempre più “vero”.

I NUMERI
35 Tre Forchette
30 Tre Gamberi
10 Tre Bottiglie
4 Tre mappamondi
3 Tre Coccotte
3 Tre Boccali
3 Tre Coccotte
3 Tre Boccali
18 Premi Speciali
5 Due forchette rosseI Premi

Tre Forchette

Trento DOC

96
Reale (Castel di Sangro, AQ)

95
Osteria Francescana (Modena)
La Pergola dell’Hotel Rome Cavalieri (Roma)

94
Le Calandre (Rubano, PD)
Piazza Duomo (Alba, CN)
Uliassi (Senigallia, AN)

93
Don Alfonso 1890 (Sant’Agata sui Due Golfi, NA)
Enoteca Pinchiorri (Firenze)
Villa Crespi (Orta San Giulio, NO)

92
Cracco (Milano)
Duomo (Ragusa)
Madonnina del Pescatore (Senigallia, AN)
Il Pagliaccio (Roma)
Quattro Passi (Massa Lubrense, NA)
Seta del Mandarin Oriental Milano (Milano)
St. Hubertus dell’Hotel Rosa Alpina (San Cassiano/Sankt Kassian, BZ)
Torre del Saracino (Vico Equense, NA)
La Trota (Rivodutri, RI)
Da Vittorio (Brusaporto, BG)

91
Enrico Bartolini Mudec Restaurant (Milano)
Berton (Milano)
D’O (Cornaredo, MI)
Pascucci al Porticciolo (Fiumicino, RM)
Dal Pescatore (Canneto sull’Oglio, MN)
Casa Vissani (Baschi, TR)

90
Agli Amici dal 1887 (Udine)
Da Caino (Montemerano, GR)
Taverna Estia (Brusciano, NA)
Idylio by Apreda del The Pantheon Iconic Rome Hotel (Roma)
Laite (Sappada, BL)
Lido 84 (Gardone Riviera, BS)
Lorenzo (Forte dei Marmi, LU)
La Madia (Licata, AG)
Miramonti l’Altro (Concesio, BS)
La Peca (Lonigo, VI)

Tre GamberiI locali contrassegnati da * si sono aggiudicati Tre Gamberi per la prima volta

San Marzano

Angiolina (Pisciotta, SA)
Antica Osteria del Mirasole con Locanda (San Giovanni in Persiceto, BO)
Antichi Sapori (Andria, BT)
Armando al Pantheon (Roma)
All’Osteria Bottega (Bologna)
La Brinca (Ne, GE)
Da Burde* (Firenze)
Ai Cacciatori (Cavasso Nuovo, PN)
Il Capanno (Spoleto, PG)
Agriturismo Il Casaletto* (Viterbo)
Consorzio (Torino)
Al Convento (Cetara, SA)
Caffè La Crepa (Isola Dovarese, CR)
Ai Due Platani* (Parma)
Futura Osteria (Monteriggioni, SI)
La Locanda delle Grazie (Curtatone, MN)
La Madia (Brione, BS)
Locanda Mariella (Calestano, PR)
Masseria Barbera (Minervino Murge, BT)
Nerodiseppia (Trieste)
Osteria Ophis (Offida, AP)
Osteria del Treno (Milano)
Pretzhof (Val di Vizze/Pfitsch, BZ)
Sora Maria e Arcangelo (Olevano Romano, RM)
Lo Stuzzichino* (Massa Lubrense, NA)
Tischi Toschi (Taormina, ME)
Trippa (Milano)
Vecchia Marina (Roseto degli Abruzzi, TE)
Osteria della Villetta dal 1900 (Palazzolo sull’Oglio, BS)
Vino e Cibo* (Senigallia, AN)

Tre BottiglieI migliori Wine Bar

Castello di Cicognola

La Baita (Faenza, RA)
Barnaba (Roma)
Le Case della Saracca (Monforte d’Alba, CN)
Del Gatto (Anzio, RM)
Al Donizetti (Bergamo)
Enoteca Fiorentina (Firenze)
Enoteca Marcucci (Pietrasanta, LU)
Da Nando (Mortegliano, UD)
Roscioli (Roma)
Trimani Il Wine Bar (Roma)

Tre MappamondiI migliori locali etniciPesce

Casaramen (Milano)
Iyo (Milano)
sudest1401 (Venezia)
Wicky’s Wicuisine Seafood (Milano)

Tre BoccaliLe migliori Birrerie

Nidaba (Montebelluna, TV)
Open Baladin (Roma)
L’Osteria di Birra del Borgo (Roma)

Tre CocotteI migliori Bistrot

Amo (Venezia)
Cucina.eat (Cagliari)
Lanzani Bottega & Bistrot (Brescia)

I Premi Speciali

Cuoco Emergente Premio Alessandro Narducci
Solaika Marrocco | Primo Restaurant in Lecce (Lecce)

San Pellegrino

I 30 MIGLIORI UNDER 30

Illy

C U C I N A

Valle d’Aosta
PAOLO GRIFFA: Petit Royal del Grand Hotel Royal e Golf (Courmayeur, AO)

Piemonte
CHRISTIAN MANDURA: Unforgettable (Torino)

Lombardia
DAVIDE CARANCHINI: Materia (Cernobbio, CO)
MARCO COZZA e ANDREA DE CARLI: Rose Salò (Salò, BS)
ANDREA LEALI: CasaLeali (Puegnago sul Garda, BS)

Emilia Romagna
FRANCESCO VINCENZI: La Franceschetta 58 (Modena)
GIUSEPPE GASPERONI: Osteria del Povero Diavolo (Poggio Torriana, RN)

Lazio
ANDREA ANTONINI: Imàgo dell’Hotel Hassler (Roma)
FRANCESCO CAPUZZO DOLCETTA: Marzapane (Roma)
STELLA SHI: Cu_Cina (Roma)

Abruzzo
MATTIA SPADONE: La Bandiera (Civitella Casanova, PE)

Campania
MAICOL IZZO – Piazzetta Milù (Castellammare di Stabia, NA)

Puglia
SOLAIKA MARROCCO: Primo restaurant in Lecce (Lecce)
FLORIANO PELLEGRINO e ISABELLA POTÌ: Bros (Lecce)

Calabria
EMANUELE LECCE: La Tavernetta (Spezzano della Sila, CS)

Sicilia
DAVIDE GUIDARA: Sum del Romano Luxury Palace (Catania)

S A L A

Piemonte
SARA REPETTO: Condividere (Torino)

Lombardia
ALEX BARTOLI: Cracco (Milano)
MARCO LEALI: CasaLeali (Puegnago sul Garda, BS)
SIMONE MARELLI: Giancarlo Morelli dell’hotel Viu Milan (Milano)
PAOLO PORFIDIO: Terrazza Gallia dell’Excelsior Gallia (Milano)

Abruzzo
ALESSIO SPADONE: La Bandiera (Civitella Casanova, PE)
PASCAL TINARI: Villa Maiella (Guardiagrele, CH)

Campania
ALFREDO BUONANNO: Kresios (Telese Terme, BN)
BONAVENTURA FERRARA: Il Faro di Capo d’Orso (Maiori, SA)

Basilicata
DONATO ADDESSO: Vitantonio Lombardo (Matera)

Puglia
SAVERIO DI GENNARO: Quintessenza (Trani, BT)
NICOLA LOIODICE: Due Camini a Borgo Egnazia (Fasano, BR)

Sicilia
GIULIO BRUNI: Capofaro Locanda & Malvasia (Salina, ME)
ROBERTA COZZETTO: Sapio (Catania)

Palazzo Varignana

La Novità dell’anno
Impronta (Bassano del Grappa, VI)

Salvaterra

Il ristoratore dell’anno
Ciccio Sultano
Duomo (Ragusa)

Muraglia

Piatto di pesce dell’anno
Fusillo al nero in un mare di plastica
Pascucci al Porticciolo (Fiumicino, RM)

La bella Estate

Il pastry chef dell’anno
Edvige Simoncelli
Idylio by Apreda del The Pantheon Iconic Rome Hotel (Roma)

MedicAir

Premio innovazione in cucina
Madonnina del Pescatore (Senigallia, AN)

Pastificio dei Campi

Ristorante con la miglior proposta di piatti di pasta
Sud (Quarto, NA)

Petra

Miglior pane in tavola
Il Faro di Capo d’Orso (Maiori, SA)

Coravin

Miglior proposta al bicchiere al ristorante
Il Pagliaccio (Roma)

Wine Bar

Miglior proposta al wine bar
Gran Cru (Milano)

Sala

Servizio di sala
Da Vittorio (Brusaporto, BG)

Servizio di sala in albergo
Il Piccolo Principe del Grand Hotel Principe di Piemonte (Viareggio, LU)

Digitale

Miglior comunicazione digitale
L’Arcade (Porto San Giorgio, FM)

Illy

Miglior servizio del caffè
L’Argine a Vencò (Dolegna del Collio, GO)

Barone Pizzini

Terra e ambiente
“Quando la sostenibilità è forma e sostanza. Valorizzazione del territorio e dei suoi prodotti attraverso una cucina nel pieno rispetto della terra, dell’ambiente e dell’uomo”.

Al Convento – Cetara (SA)
Locanda del Benaco mit Caffè – Salò (BS)
Al Vedel – Colorno (PR)

Agriturismo

Il miglior agri-ristorante
Agriturismo Il Casaletto (Viterbo)

Albinea

Valorizzazione delle produzioni locali
Vecchia Marina (Roseto degli Abruzzi, TE)

Ferzo

Miglior rapporto qualità/prezzo

Rapporto Q-P

Almare (Fano, PU)
L’Arcade (Porto San Giorgio, FM)
Del Belbo da Bardon (San Marzano Oliveto, AT)
Bottega Culinaria (San Vito Chietino, CH)
Al Cambio (Bologna)
Il Foro dei Baroni (Puglianello, BN)
Gardel dell’hotel Gardel (Arta Terme, UD)
Hub (Macomer, NU)
Locanda del Colonnello dell’Hotel Palazzo Failla (Modica, RG)
Maeba (Ariano Irpino, AV)
Locanda Mammì (Agnone, IS)
La Strega (Palagianello, TA)
Il Tirabusciò (Bibbiena, AR)
Tocco D’Oro (Comiso, RG)

Due Forchette RosseI locali che hanno le maggiori potenzialità per raggiungere il vertice

89
Arnolfo
Colle di Val d’Elsa (SI)

Danì Maison
Ischia (NA)

Lume
Milano

Il Piccolo Principe del Grand Hotel Principe di Piemonte
Viareggio (LU)

Signum
Salina (ME)

Vun Andrea Aprea dell’Hotel Park Hyatt Milan
Milano

88
Andreina
Loreto (AN)

Sponsor

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *