Nascerà, forse, una nuova doc che si chiamerà Terre Alfieri

Si trova al confine tra le province di Cuneo ed Asti e il nuovo vino dovrebbe nascere dalle tipologie Nebbiolo e Arneis entrambi prodotti con la “Docg” nel Roero albese.
Inmediata alzata di scudi da parte dei viticoltori di quest’ultimo territorio che vorrebbero una sorta di “esclusiva” sui loro vini. Sulla vicenda della nuova Doc dovrà pronunciarsi, ora, il comitato vitivinicolo nazionale.

Il Prosecco doc va forte sul mercato inglese. Dal 2003 al 2007 le vendite sono aumentate del 25% e il dato viene fornito dal Consorzio di tutela di Valdobbiadene, che richiama la “piacevolezza e il moderato contenuto alcolico del vino”, elementi che contribuiscono al suo successo. Ora si sta lavorando per dare visibilità al territorio con il progetto annunciato dal presidente Franco Adami.
Quella del 2008 in Valle dAosta è stata una vendemmia più scarsa rispetto al 2007, ma di buona qualità. La produzione, in calo del 10-15%, si attesta intorno ai 16-18 mila quintali di uve di una quarantina di aziende. Tra i vini prodotti il Muller Thurgau, lo Chardonnay e il Merlot, cui si aggiungono altri autoctoni noti come i “vini di montagna”. (Italia Oggi)

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *