“Malvasia di Bosa” Doc, ok all’ampliamento del disciplinare

Malvasia BosaAccanto all’attuale tipologia Riserva, il nuovo disciplinare punta a includere nella certificazione Doc anche il Passito, l’Amabile o Dolce, immessi sul mercato dal 1 aprile successivo alla vendemmia, e lo Spumante Demisec o Dolce, da vendersi dal 1 novembre successivo alla vendemmia
La commissione di degustazione della Camera di commercio di Nuoro ha dato il via libera all’ampliamento del rigido disciplinare della Malvasia di Bosa Doc varato nel 1972. L’iter dovrà essere completato dal ministero delle Politiche agricole.

 


Il restrittivo regolamento in vigore da 40 anni attribuisce la denominazione solo a vini ottenuti da uve Malvasia coltivate in un particolare territorio della Planargia e sottoposti a un processo d’invecchiamento di due anni. Resta tagliata fuori gran parte della produzione, relegata a mercati secondari: su un totale di circa 200 ettari coltivati con il vitigno Malvasia, solo undici (appena il 5%) sono iscritti all’albo di quelli Doc e concorrono a produrre il vino venduto come Malvasia di Bosa.
Accanto all’attuale tipologia “Riserva” con invecchiamento in legno, il nuovo disciplinare punta a includere nella certificazione Doc anche il Passito, l’Amabile o Dolce, che possono essere immessi sul mercato dal 1 aprile successivo alla vendemmia, e lo Spumante Demisec o Dolce, da vendersi dal 1 novembre successivo alla vendemmia, orientato a un consumo concentrato in particolare nelle vacanze natalizie e pasquale.
La Planargia si trova nella parte nord-occidentale della Sardegna, su una superficie di quasi 300 chilometri quadrati, e comprende i comuni di Bosa, Montresta, Suni, Sagama, Flussio, Magomadas e Tresnuraghes, nella provincia di Oristano. Il vitigno Malvasia che viene coltivato in questo territorio nelle valli vicino al mare, secondo la maggior parte degli studiosi, proviene dalla Grecia, in particolare da una città della costa sud-orientale del Peloponneso, nell’antichità chiamata “Monobasia” o “Monenvasia”.

(Italia A Tavola)

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *