La Vernaccia di San Gimignano e il progetto Take away

Vernaccia

La Vernaccia di San Gimignano e il progetto Take away, la risposta ad un problema che coinvolge produttori e consumatori.

Sedersi al ristorante ed ordinare una bottiglia di vino…..fino ad ora un gesto automatico, oggi non è più così. Se si è da soli o in coppia, al di là dei possibili controlli con l’etilometro, è la consapevolezza del pericolo di mettersi alla guida dopo qualche bicchiere di vino che frena il consumo.

Molti ristoranti si sono adeguati alla nuova realtà servendo il vino al bicchiere, ma non tutti sono in grado di offrire questo servizio.
Da queste considerazioni è partito il Consorzio della Denominazione di San Gimignano per realizzare, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, il progetto Take away: dotare i ristoranti del territorio di un kit da asporto delle bottiglie di Vernaccia e di Rosso di San Gimignano non terminate, un tappo ermetico ed un pratico sacchetto di carta.
Il progetto pilota partirà a fine maggio con la collaborazione di una ventina di ristoranti di San Gimignano, contrassegnati da un sorridente palloncino giallo che campeggerà su tutta la campagna di comunicazione dell’iniziativa, in italiano ed in inglese, che sarà condotta su tutto il territorio e renderà riconoscibili gli esercizi commerciali aderenti ai turisti di tutto il mondo che ogni estate arrivano nella città delle torri.
“E’ un esperimento di marketing consapevole” spiega il Presidente del Consorzio, Letizia Cesani “per promuovere il consumo consapevole del vino. Come Consorzio l’obiettivo primario è quello di sostenere le aziende associate nella vendita dei loro prodotti in un mercato reso sempre più difficile dalla crisi economica e dalla giusta attenzione per la salute propria ed altrui. Con questo progetto vogliamo sostenere il consumo dei nostri vini, la Vernaccia e il Rosso di San Gimignano, sul territorio comunale; adesso partiamo con una ventina di ristoranti e wine bar, il prossimo passo sarà quello di coinvolgere tutti gli esercizi del territorio. Ma la nostra speranza è di riuscire ad estendere l’iniziativa in tutta Italia, chiedendo alle aziende di mandare ai propri clienti, insieme alle bottiglie richieste, un certo numero di kit per il take away.”
Per il progetto pilota sono stati acquistati dal Consorzio, con il contributo dell’Amministrazione Comunale e della Banca Monte dei Paschi di Siena, tremila sacchetti in carta e tappi, che saranno dati gratuitamente ai ristoranti perché li utilizzino con i loro clienti. 
L’iniziativa verrà presentata al pubblico e alla stampa sabato 22 maggio, alle ore 9,00, presso il Teatro dei Leggieri, nella Piazza del Duomo di San Gimignano, in occasione del Convegno  La Vernaccia di San Gimignano ed i prodotti di eccellenza del territorio sangimignanese di fronte alla crisi generale del settore agricolo (clicca qui), organizzato dall’amministrazione comunale, aperto al pubblico e con ingresso gratuito.

Questi i ristoranti di San Gimignano e dintorni che hanno aderito all’iniziativa:
RISTORANTE DORANDO’, RISTORANTE LE TERRAZZE, RISTORANTE BEL SOGGIORNO, RISTORANTE DULCIS IN FUNDO, RISTORANTE LA STELLA , OSTERIA DEL CARCERE , OSTERIA DELLE CATENE, RISTORANTE PERUCA’ CENTER, RISTORANTE CUM QUIBUS, LA BETTOLA DEL GRILLO,  RISTORANTE IL PINO, RISTORANTE LE VECCHIE MURA, RISTORANTE TRATTORIA LA MANGIATOIA, LA VECCHIA NICCHIA, CAFFE’ DELLE ERBE,  DIVINERIA , RISTORANTE FUORI PORTA, TRATTORIA  BORGO DI RACCIANO, RISTORANTE LEONETTO,  RISTORANTE LATINI.                                                                                                                                                     

Ufficio Stampa Consorzio della Denominazione San Gimignano
Elisabetta Borgonovi, cell. 338 9894681, e-mail
e.borgonovi@vernaccia.it 
www.vernaccia.it

 

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *