“La verità sul vino” presentata la guida al consumo consapevole…

Un bicchiere a pasto, di buona qualità, per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e neurologiche. Un uso moderato e attento per vivere sani e con piacere. Ecco la ricetta fornita dal libro “La verità sul vino. Come, quando e perché il vino fa bene” (Go Wine editore), prima pubblicazione ufficiale dell’Osservatorio nazionale sul consumo consapevole del vino con la firma di due medici, Attilio Giacosa e Mariangela Rondanelli.

“Fra tutte le bevande a contenuto alcolico, il vino è l’unica che, se bevuta con moderazione, può manifestare effetti positivi per la salute” spiega il gastroenterologo Giacosa, direttore scientifico dell’Osservatorio nato per volontà dell’Enoteca regionale piemontese Cavour guidata da Fabrizio Pace. “Il vino nasce da una spremuta d’uva che contiene innumerevoli sostanze naturali molto utili per la difesa dell’organismo”. Ecco allora un volume che prende per mano il lettore e lo conduce attraverso le caratteristiche nutrizionali e biologiche del vino e dei suoi costituenti, con particolare riferimento ai principi bioattivi e alle loro peculiarità. Pagina dopo pagina, si sfatano bugie e luoghi comuni senza sottrarsi a domande insidiose: qual è il rapporto fra i danni legati al consumo di alcolici e i vantaggi dovuti alle sostanze contenute nel vino? E come funzionano i controlli dell’alcolemia introdotti in forma sempre più severa per evitare rischi alla guida? Un punto cardine è la definizione della giusta dose in funzione del sesso, dell’età e di vari stati fisiologici, ma ampio spazio è dedicato anche a proverbi, citazioni letterarie e a una raccolta di ricette da realizzare utilizzando il vino come ingrediente. L’Osservatorio “Vino e salute” è nato nel cuore delle Langhe un anno fa: il suo obiettivo è difendere il settore da messaggi fuorvianti, comunicare i pregi del bere consapevole, promuovere ricerche scientifiche e divulgare un messaggio positivo tra i consumatori, soprattutto tra i giovani. (La Stampa)

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *