La terra dell’uva magica ha un cuore veronese

Il Veneto è tra le regioni viticole italiane più importanti, sia per la qualità dei vini che vi si producono, sia per l’estensione delle superfici destinate alla coltura della vite. La ricchezza del patrimonio vinicolo del Veneto è legata alla straordinaria varietà dei vitigni (autoctoni e internazionali), delle condizioni climatiche e dei suoli che si possono riscontrare all’interno della regione. Il Veneto annovera vini a denominazione di origine controllata (d.o.c.) e vini a denominazione di origine controllata e garantita (d.o.c.g.) di grande tradizione e successo commerciale. La storia enologica veneta è da sempre legata ai vini bianchi fermi, senza dimenticare le eccellenze nei grandi vini rossi invecchiati (vedi Amarone) e nelle bolliciine (vedi Prosecco). Il cuore viticolo della regione è rappresentato dalla provincia di Verona. Qui nasce il vino d.o.c. Soave, a partire dall’uva bianca Garganega. La stessa Garganega, dopo appassimento, è impiegata per produrre il vino dolce d.o.c.g. Recioto di Soave. A nord di Verona, in Valpolicella, si producono il Recioto e l’Amarone della Valpolicella. Entrambi i vini sono ottenuti da uve autoctone Corvina, Rondinella e Molinara, sottoposte ad un parziale appassimento in locali appositi detti fruttai. In prossimità del lago di Garda, a partire dalle stesse uve del Valpolicella, si ottiene il vino rosso d.o.c. Bardolino, che però è più delicato e sottile dei rossi della Valpolicella. Esiste anche una versione rosata del Bardolino che prende il nome di Chiaretto. Sempre nel veronese è prodotto il Bianco di Custoza, a partire da uve Trebbiano e Garganega. La d.o.c. Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene è situata all’interno della provincia di Treviso. II piacevole e fruttato Prosecco è ottenuto dalle omonime uve; per questo spumante è prevista anche la sottospecificazione “Superiore di Cartizze”, se le uve sono state raccolte nella sottozona della località San Pietro di Barbozza. Nel vicentino si trovano la d.o.c. Colli Berici, la più ristretta d.o.c. Gambellara e la d.o.c. Breganze. Il Breganze Torcolato è un vino da dessert ricco di profumi, ottenuto dall’appassimento naturale dell’uva autoctona Vespaiola. (Corriere Della Sera)

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *