IL NOBILE MERITA UNA NOTORIETÀ MAGGIORE A QUELLA ATTUALE &:

COSI’ IL MINISTRO MAURIZIO SACCONI BRINDA CON IL VINO DI MONTEPULCIANO. PROSIT CON IL “POLIZIANO” ANCHE PER ELIO DELLE STORIE TESE 
Una lunga frequentazione di Montepulciano e una grande ammirazione per il Nobile e gli altri vini di qualità del territorio “che meriterebbero notorietà molto maggiore rispetto a quella attuale”: così il Ministro del Lavoro Salute Politiche Sociali Maurizio Sacconi ha brindato con il vino di Montepulciano delle nuove annate Nobile 2006 e Riserva 2005. 
Il Ministro Sacconi ha segnalato tra i punti di forza del Nobile il suo rapporto qualità/prezzo e ha indicato la qualità come obiettivo primario, nell’interesse sia dei produttori sia dei consumatori. “Per un paese come l’Italia, ricco di prodotti tipici che sono espressione del territorio e delle tradizioni – ha sottolineato il Ministro – bisognerebbe giungere ad un progetto di qualità totale capace di innescare un circolo virtuoso dal quale rimarrebbero inevitabilmente esclusi i produttori che non ne rispetterebbero i requisiti”.
Tra gli ospiti dell’“Anteprima Nobile”, anche Elio, leader del gruppo milanese “Elio e le Storie Tese”, che, nella pausa dalle prove del suo “Re Nudo” (da marzo al Teatro dell’Opera di Roma), ha deciso di passare una serata con i produttori di Nobile brindando con annate particolari, tra cui la ’96, quella in cui è arrivato secondo al Festival di Sanremo con la canzone “La terra dei cachi”.
Ora i produttori guardano già al futuro dopo un 2008 nel quale il mercato del Nobile ha visto il 71% di prodotto esportato e il restante 29% destinato al mercato nazionale con Toscana (44%) e Lombardia (15%) come regioni capofila. L’export in particolare si rivolge ai paesi europei (70% della quota), dove Germania (30%) e Svizzera (27%) restano i principali mercati, ma crescono le quote destinate a Gran Bretagna (4% nel 2008) e paesi nordici. Si conferma un mercato interessante quello Usa, che nel 2008 ha assorbito il 14% delle esportazioni. Continua la conquista dei mercati emergenti, dove il Nobile esporta circa il 15% del prodotto in particolare in Asia (10%). (WineNews)

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *