I giovani e la notte, stop ai tour dell’alcol

Il divieto di vendita di alcolici dopo le 2 di notte nelle discoteche e nei pub rischia di saltare come un tappo di birra anche se poi sarà interdetta la somministrazione di alcol dalle 24 alle 7 nei chioschi isseminati lungo le statali. Su questa modifica legislativa, però, si è già scatenata una polemica tra il ministro Giorgia Meloni e la Lega, che difendono la riforma per fermare il “nomadismo etilico”, e il sottosegretario Carlo Giovanardi che parla di “colpo di mano” del Carroccio sollecitato dalle “solite lobby del settore”.  Grazie a un emendamento presentato dal leghista Gianluca Pini alla legge comunitaria, gli esercenti che tengono aperti i locali tutta la notte potranno dunque aggirare il divieto introdotto nel 2007 per limitare i danni causati da chi guida imbottito di alcol. Infatti, nella nuova formulazione dell’articolo 6 del decreto legge 117 è inserita una deroga per chi fa intrattenimento oltre le due: “…devono interrompere la somministrazione di bevande alcoliche dopo le ore due di notte…, ovvero, successivamente, almeno mezz’ora prima dell’orario di chiusura”. Se la musica finisce alle 7, si beve fino alle 6.30.
Il governo ha dato parere favorevole e i gruppi presenti in aula alla Camera, fatta eccezione per l’Idv, hanno votato a favore. L’unico a opporsi, ora, è il sottosegretario Giovanardi (delega al contrasto delle tossicodipendenze): “Difficilmente può immaginarsi una norma più sgangherata di quella introdotta dal leghista dell’Emilia Romagna onorevole Pini… La norma, richiamando la Comunicazione della commissione europea in materia di riduzione dei danni derivanti dal consumo di alcol, modifica la normativa vigente in senso contrario a tale finalità, così da rendere incomprensibile agli stessi parlamentari il vero scopo dell’emendamento”. In effetti, il primo comma dell’emendamento Pini fa pensare a un giro di vite perché introduce la possibilità di somministrare e consumare alcolici tra le 24 e le 7, esclusivamente presso gli esercizi muniti di licenza (bar, ristoranti, locande, pensioni) e introduce sanzioni maggiorate per chiunque venda e somministri di notte alcolici su “spazi o aree pubblici”. Spiega il ministro Meloni (Politiche per la gioventù): “È giusto limitare la vendita notturna di alcolici presso i baracchini in strada Condivido inoltre la sollecitazione nei confronti dei gestori dei locali notturni, affinchè smettano di servire gli alcolici mezz’ora prima della chiusura”.
Ma la sorpresa arriva leggendo il secondo comma laddove si scardina il limite delle 2 per discoteche e pub. Per Giovanardi, c’è “una manina guidata da interessi particolari che ha deciso di favorire qualcuno e danneggiare qualcun altro, senza invece prevedere un divieto di somministrazione in orari uguali per tutti. Sfido chiunque a negare che in realtà si tenta di aggirare il divieto di somministrare alcolici nelle discoteche dopo le 2 di notte, lasciando capire, invece, che se un locale chiude alle 7, potrà somministrare bevande alcoliche fino alle 6.30 del mattino”. Pini ribatte piccato: “Ci siamo confrontati anche con il dipartimento della Pubblica sicurezza affinchè il divieto di vendita sulla strada eviti il nomadismo etilico. Escono alle due dalle discoteche e se ne vanno in giro in cerca di alcol…”. Pini è dunque convinto della bontà della sua proposta: “Le discoteche che chiudono alle 2 sono il 50%, mentre il 40% va avanti fino alle 4 e solo il 10% continua fino alle 5”. Ora la legge comunitaria torna al Senato. E Giovanardi da battaglia: “Bisogna cancellare l’emendamento”. (Corriere Della Sera)

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *