Graicos 2006 ( Ganci & Milone )

La tipologia:          IGT Lazio, bianco

L’uvaggio:             100% Greco Bianco

L’annata:               2006

La gradazione:       13%

L’azienda:             Ganci & Milone (www.cantinaganci.com), LATINA

 

Il produttore:

Siamo in provincia di Latina, vicino al lago di Fogliano, in Pandora UK Sale località Colle Parito, sul litorale pontino.

Qui si trovano tutti i vigneti (quasi 30 ettari) di proprietà dell’azienda Ganci composta da Giuseppe Milone, agronomo e titolare dell’azienda insieme alla moglie Ganci Laura, e Carlo Riveda, l’enologo.

La storia della cantina risale agli anni ’30, quando due fratelli siciliani Antonino e Vincenzo Ganci cresciuti tra i vigneti e le cantine di Alcamo, uno dei comuni più vitati della Sicilia decisero di trasferirsi da queste parti.

A Colle Parito c’era un vecchio casale ed accanto ad esso una stalla, Antonino e Vincenzo cominciarono ad edificare la loro cantina, la prima nell’agropontino, ricavando delle vasche in cemento (oggi non più utilizzate) all’interno della vecchia stalla e costruendo poi accanto ad essa il palmento: così veniva chiamato in Sicilia il locale dove si pigiava l’uva per ottenerne il mosto.

In pochi anni furono piantati più di 50 ettari di vigneto che cominciarono a fruttare ettolitri ed ettolitri di buon vino, la cantina venne ampliata e cominciò un po’ alla volta a riempirsi di tutti quei macchinari che la moderna tecnologia enologica andava man mano ideando.

Assieme alla città di Latina cresceva così anche la cantina Ganci, e mentre cresceva l’azienda …cresceva anche Laura, la figlia di Vincenzo e Sebastiana. Laura frequenta la facoltà di Agraria presso l’Universita degli Studi di Napoli, a Portici, ed è qui che conosce il suo futuro marito Giuseppe (anche lui nato in Sicilia). Sono loro oggi che, con la stessa passione di Antonino e Vincenzo, conducono l’azienda, nel rispetto di quei valori e delle tradizioni a cui erano legati quei due ragazzi siciliani che un giorno decisero di cercare il loro “Nuovo Mondo” nell’Agropontino.

 

Nei primi anni ’90 si è intrapreso un rinnovo dei vecchi impianti che sono stati Cheap Pandora Bracelets Sale portati a termine nel 2003; i primi vitigni che sono stati piantati sono stati il Trebbiano, lo Chardonnay, il Merlot ed il Cabernet Sauvignon, mentre i più recenti sono il Moscato di Terracina, il Sangiovese il Montepulciano, il Greco Bianco e per ultimo la Garganega da cui si ricava il Gocce d’Ambra, un passito molto particolare e buonissimo di cui vi parleremo più avanti.

 

Nell’azienda non si produce solamente vino, ma anche piante di olivo, colture cerealicole ed ortive.

Inoltre, siccome la vite può offrire molto di più, qui si possono trovare anche le confetture di uva ed ancora le deliziose gelatine di vino.

Le confetture di uva rossa (prodotte con uve Merlot e Sangiovese) e quelle di uva bianca (prodotte con uve Moscato) sono l’ideale per una colazione o una merenda da veri golosi.

Le gelatine di vino, preparate con i vini in bottiglia (Chardonnay, Greco, Passito, Merlot e Cabernet Sauvignon), sono una vera chicca, una gioia per il palato, specialmente quando le si accosta ad un formaggio stagionato di pecora o magari ad un formaggio di fossa.

Quando in settembre abbiamo visitato la cantina abbiamo avuto l’occasione di assaggiare degli ottimi dolci fatti in casa, ma soprattutto la ricotta con il mosto cotto (che ricorda l’origine siciliana dei produttori) che era qualcosa di sublime!

 

Il vino:

Il colore è di un giallo dorato, come da controetichetta dovuto ad una vendemmia quasi tardiva (ottobre inoltrato), ed una lunga macerazione…

Gli archetti sulle pareti del bicchiere sono spessi e si evince un vino di corpo e ben strutturato…infatti l’acidità è abbastanza spiccata, ma non disturba, in bocca si conferma morbido, rotondo, quasi dolce…

Il profumo è tipico di macchia mediterranea, ma è un insolito aroma di rosmarino quello che ci colpisce di più….Poi con il passare dei minuti il vino ci continua a regalare sensazioni olfattive sempre nuove come  frutta esotica, miele e infine una nota salmastra, ovviamente per la vicinanza del mare…

Forse l’alcol non è ancora del tutto in equilibrio, ma siamo sicuri che il tempo lo aiuterà ad integrarsi perfettamente…

E’ senz’altro un vino impegnativo, e di conseguenza può reggere piatti di pesce anche elaborati…noi lo abbiamo provato con un primo con panna e salmone e dobbiamo dire che è andata benissimo. (Dicembre 2007)

 

 

Fabrizio Vicari

 

(Il vino è stato acquistato nel settembre 2007 direttamente in cantina al prezzo di 6,00 €)

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *