Creato un test sicuro per sapere se un prodotto e’ davvero biologico

Dubbi sulla qualità di un prodotto biologico? E’ stato messo a punto in Nuova Zelanda un test che non lascia margine ai dubbi.
Messo a punto in un laboratorio privato un’analisi ad isotopi che può verificare se frutta e verdura sono stati coltivati con metodi biologici.
Uno dei criteri di crescita utilizzati nell’agricoltura biologica è l’impiego di fertilizzanti organici, che spesso contengono anche deiezioni animali. Durante la crescita, frutta e verdura si trovano così ad assorbire azoto dal fertilizzante ed è proprio questo atomo che viene analizzato nel test.

L’”impronta” dell’isotopo di azoto proveniente dal letame animale è diversa da quella lasciata da un prodotto chimico industriale.
“Si tratta di un test indipendente ai criteri di crescita,” ha commentato la dott.ssa Roger a capo del gruppo di scienziati che ha messo a punto l’analisi. “I consumatori hanno bisogno di strumenti indipendenti per verificare l’effettiva qualità di prodotti che sul mercato hanno prezzi significativamente più alti”.
I consumatori possono ottenere risultati dell’analisi di un campione nell’arco di circa dieci giorni, test che può essere effettuato in ogni momento del processo di crescita del vegetale.
Questa analisi permette anche di verificare se la crescita è avvenuta con tecniche idroponiche o su terreni naturali. Una tecnica ad isotopi simile, che utilizza il carbonio può invece indagare se alcuni prodotti, come i pomodori, sono cresciuti in serre riscaldate con combustibili fossili.
L’esperienza del laboratorio neozelandese annovera risultati nel settore alimentare che vanno dalla verifica se vi sia zucchero aggiunto nelle spremute d’arancia, ai test che controllano se nel miele vi sia glucosio aggiunto con lo scopo di aumentarne la massa. (Greenplanet)

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *