Come conserviamo il vino?

Vediamo come possiamo conservare le nostre preziose bottiglie di vino nella nostra cantina, in modo da avere sempre il meglio sulla nostra tavola.
Di seguito sono riportati alcuni consigli da mettere in pratica:
Le bottiglie devono essere disposte coricate, in modo tale che il tappo rimanga umido ed elastico a contatto col vino; un tappo troppo secco lascerebbe passare ossigeno nella bottiglia, degradando velocemente il vino.

Le scaffalature dovrebbero essere in legno (per attenuare eventuali vibrazioni) trattate con vernice antimuffa.
In un ipotetico unico scaffale andranno disposti dal basso verso l’alto spumanti e champagne, vini bianchi secchi, bianchi dolci, i rosati, i rossi giovani e infine i rossi da invecchiamento.
L’ambiente deve essere buio, non troppo umido (umidità attorno al 70 %) e lontano da fonti di calore. Infatti, il tappo, che è l’elemento più delicato non deve asciugarsi a causa di una cantina troppo secca.
Per decidere l’ambiente adatto è bene tenere sotto controllo per un paio di mesi temperatura e umidità e verificare se la camera scelta mantiene le giuste caratteristiche.
Non bisogna conservare nello stesso ambiente vini e prodotti alimentari come frutta, formaggi ecc., perchè i vini hanno la tendenza ad assorbire odori esterni.
Le bottiglie destinate ad un lungo invecchiamento, spesso presentano danni alle etichette, causati dall’umidità. Un buon sistema è avvolgere la bottiglia nella carta velina, oppure, nei casi più difficili, utilizzare la pellicola trasparente, usata per conservare gli alimenti in cucina.
Pareti e pavimenti devono traspirare e quindi è bene non utilizzare rivestimenti in materiali plastici ed impermeabili. Una buona soluzione è un intonaco tinteggiato con tonalità chiare, che facilita l’individuazione di possibili infiltrazioni d’acqua.
Per ciò che riguarda il pavimento, l’ideale sarebbe un fondo in terra battuta (come nelle vecchie cantine, molto simili a grotte), ricoperto da uno strato di ghiaia. In questo modo si facilita la traspirazione e si mantiene un’umidità costante. In alternativa è sufficiente lasciare il battuto di cemento grezzo. (Periodicoitaliano)

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *