Cibo e vino souvenir dalle vacanze

Cibo e vini come souvenir. Da un sondaggio condotto dal sito www.coldiretti.it, quasi sei italiani su dieci tornano a casa con un prodotto alimentare tipico del luogo di vacanza. Il prodotto alimentare caratteristico del territorio come vino, formaggio, olio di oliva, salumi o conserve è stato il più gettonato con il 58 per cento, ma apprezzati sono stati anche i prodotti artigianali locali con il 25 per cento mentre in calo sono i ricordi più commerciali come cartoline, gadget e magliette che sono stati acquistati solo dal 5 per cento dei turisti.

Tra i più gettonati la mozzarella di bufala in Campania, il formaggio Asiago in Veneto, il pecorino della Sardegna, il prosciutto San Daniele nelle montagne del Friuli, il vino Barolo del Piemonte, la Fontina in Valle d'Aosta. "Il turismo enogastronomico vale infatti – dice la Coldiretti – cinque miliardi e si conferma il vero motore della vacanza Made in Italy che è l'unica nel mondo a poter offrire 182 denominazioni tutelate dall'Unione Europea e 4.471 specialità tradizionali censite dalle regioni, mentre sono 477 i vini a denominazione di origine controllata (Doc), controllata e garantita (Docg) e a indicazione geografica tipica (316 vini Doc, 41 Docg e 120 Igt)". (Cronache di Gusto)

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *